I Racconti della Piscina – 3

Il Professore ha ormai raggiunto presso la sua audience nello spogliatoio un livello di credibilità probabilmente per lui insperato.Sono convinto che nessuno dei suoi studenti riesca ad ascoltare uno dei suoi aforismi senza che gli pruda la lingua, per assestargli una bella pernacchia.
Ma qui, tra anziani, semianalfabeti, onesti lavoratori, la sua figura svetta solitaria nel gotha dei sapienti.
A tal punto che nessun anfratto dello scibile umano sembra irraggiungibile per il suo intelletto.
E quindi il Professore viene bersagliato di domande su argomenti i più disparati, dalla dermatite atopica, alla deriva dei continenti; si vede che il ragazzo ha studiato e si informa, perché di solito le sue risposte sono per lo più corrette, e comunque adeguate al pubblico presente.
Io, che a quanto pare sono l’unico altro laureato che frequenta lo stanzone, mi guardo bene dall’intervenire, anche quando il Professore non risponde perfettamente.
Il carisma, si sa, non si compra al mercato, né si ottiene insieme alla laurea. Lui ce l’ha, e io no, e questo è un fatto.
Ora però si dà il caso che nello spogliatoio si aggiri un personaggio minore ma non per questo meno caratteristico.
Istintivamente l’ho soprannominato “il Bello”, e il nome è rimasto. A dire il vero l’avrei anche potuto chiamare “l’Ignorante”, o “il Vanesio”, ma Bello rende di più l’idea.
Orbene, l’altra mattina il Bello stava asciugandosi distrattamente i capelli (essendo bello, il Bello – mortacci sua – è dotato di una folta capigliatura nera), mentre il Professore raccontava dell’ultima assemblea sindacale degli associati, quando ad un certo punto chiese a bruciapelo:
– A ‘Professò, stavo a pensà l’altro giorno in acqua, ma perché le navi che sò fatte de fero nun affonneno? –
Questa domanda fece vacillare la mia sicurezza sul soprannome del Bello, in quanto “lo Stronzo” mi sembrò improvvisamente più aderente alla realtà.
Il Professore accusò chiaramente il colpo, ma come disse una volta lo stesso vate, la classe non è acqua, e quindi si riprese rapidamente, e facendo finta di pulire gli occhiali per prendere tempo, rispose:
– Caro – il Professore chiama tutti “caro”, è un modo per non dare confidenza alla plebe -, non è proprio il mio campo, ma come sai il fondo della nave è carenato, e affonda fino ad un certo punto, poi è come se fosse una lastra piatta, e si appoggiasse sull’acqua, per questo non affonda –
Il Bello Stronzo (un rafforzativo è d’obbligo) si permise ciò che nessuno aveva osato prima: mettere in dubbio il sapere del Professore.
– Sarà – disse – ma secondo me se metti ‘na lastra d’acciaio piatta in acqua, affonna lo stesso. Secondo me, appoggiata sull’acqua nun ce rimane. Secondo me, eh!? –
Il Professore diventò rosso, non vi saprei dire se per l’oltraggio ricevuto, o per la consapevolezza di aver sparato una cazzata di così vaste proporzioni che neanche il Bello Stronzo e Ignorante se l’era bevuta.
Fu allora che il Primo Adoratore del Professore, ossia il Meccanico, cercando di venire in suo aiuto, gli diede il colpo di grazia.
– Abbello!!! – fui stupito di vedere che io e il Meccanico la pensavamo nello stesso modo – allora n’hai capito che t’ha detto il Professore? La nave galleggia perché è vota! E’ piena d’aria. E quanno l’appoggi in acqua, è come avecce messo un canotto. La poi fà de fero quanto te pare, ma si dentro c’è l’aria e galleggia, no!? –
Il Bello Stronzo guardò il Meccanico con la bocca aperta. Riuscì a chiuderla solo dopo una trentina di secondi.
Poi guardò il Professore, che da rosso era diventato bianco come un cencio.
– A Professò, alla fine ‘sto meccanico ce capisce più de navi che de machine! –
Una risata fragorosa mise la parola fine alle sofferenze del Professore, che, da bravo sindacalista, marcò visita per un paio di settimane, probabilmente per andare a ricaricare il carisma prima di presentarsi di nuovo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...