L’Ultimo Veleno

Il rumore dei suoi tacchi per casa contrastava l’innaturale silenzio che si era creato.
La zip della valigia si aprì con un fragore, mentre i cassetti venivano svuotati; dalla camera da letto si percepivano le soffici vibrazioni di biancheria e vestiti..
I tacchi si trasferirono al bagno, dove il rumore di vetro e ceramica si sostituì allo sfregamento dei tessuti. Un’altra borsa si andava riempiendo.
Nel frattempo lui era seduto in cucina, l’espressione imperscrutabile, mescolando da minuti un caffè ormai freddo, che non avrebbe comunque bevuto.
Ascoltava i rumori di lei, ma non permetteva che i suoni gli comunicassero la sua presenza.
Lei gli passò davanti un paio di volte, senza guardarlo, e neppure lui la guardò.
Attese di sentire le valigie che venivano trascinate verso l’ingresso, e solo quando lei sbattè le chiavi di casa con forza su un mobile, si alzò e andò verso la porta.
Lei era già uscita, ed era davanti l’ascensore, con lo sguardo ostentatamente rivolto verso l’alto. Lui la guardò appoggiato allo stipite.
L’ascensore arrivò, lei aprì la porta e spinse dentro le valigie.
Solo in quel momento si girò con rabbia verso di lui, e tra lacrime e singulti, gli urlò:
– Perché? PERCHE’!!! Almeno dimmi questo, solo questo ti chiedo! Perché hai voluto distruggere tutto, perché non hai voluto darci un’altra possibilità? Come fai ad essere così distante, e crudele, dopo tutto quello che abbiamo avuto insieme? Se non mi vuoi dare più nulla, penso almeno di meritare da te una risposta! –
Lui la guardò, solo leggermente stupito, e inclinò la testa.
Poi fece un passo indietro, e disse solo:
– Ti amo –
prima di chiudere la porta.
Addio
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...