Lettera a Francesco

Caro Francesco,

ti faccio le mie felicitazioni e i miei auguri, perché ne avrai bisogno.
Non posso neanche immaginare cosa voglia dire per un solo, piccolo essere umano, il carico di responsabilità che ieri ti hanno assegnato e tu hai preso sulle tue spalle.
Mi permetto di darti del tu, perché da non credente non riesco a vedere in te Sua Santità, ma un uomo come gli altri; scusami, ma non mi viene proprio di sentire lo spirito santo che aleggia sul capo dei Cardinali mentre ti scelgono come successore di Pietro.
Eppure non posso ignorare che da oggi sei il riferimento principale e il capo assoluto di una comunità di un miliardo di persone. Penso che ora ogni tua parola, ogni tuo gesto, ogni tua decisione, potrà cambiare la vita di molti uomini e donne, e anche quella di chi come me, pur non sentendosi appartenente alla tua comunità, ci vive immerso da sempre.
Per questo mi permetto, nel momento della gioia e della preoccupazione, di ricordarti che sono molte le cose che puoi fare per migliorare la vita delle tue pecorelle, e anche la nostra, atei, agnostici, miscredenti e dubbiosi, che di dio non sappiamo bene che farne, ma che temiamo le azioni degli uomini, soprattutto di quelli che parlano a suo nome.


Ricordati, Francesco, che più della metà degli essere umani che oggi popolano questo nostro pianeta, sono di sesso femminile.
E se è vero che nelle comunità cristiane e cattoliche godono di una libertà personale e intellettuale che in altre comunità religiose è anche impossibile sognarla, devo dirti che vedere ieri sui balconi di San Pietro affacciarsi solo vecchi uomini mi ha fatto male. Mi ha fatto pensare che ho una madre, una sorella, una moglie, una figlia, e sono persone che la tua chiesa oggi esclude, tranne per farne appunto madri, sorelle, mogli, figlie. Magari concubine, oppure perpetue. Se va bene suore. Ma non hanno pari dignità nella tua comunità.
Parti da qui, Francesco, sarebbe importante riconoscere che gli esseri umani sono tutti uguali di fronte a dio, anche se Gesù era uomo, e suoi apostoli lo stesso.
Ma come disse Giovanni Paolo I, Dio è padre e madre.
E i suoi figli sono fratelli e sorelle.


C’è scritto anche nelle tavole della legge che Dio consegnò a Mosè: non rubare, non desiderare la roba d’altri.
Gesù predicò la povertà, in povertà.
Il tuo omonimo ancora oggi viene chiamato il “Poverello d’Assisi”.
I soldi, caro Francesco, sono il controvalore del nostro duro lavoro. Sono la moneta di scambio con cui barattiamo la nostra giornata per un pezzo di pane.
I soldi non valgono niente, in sé, anche se si uccide, si ama, si corrompe per i soldi.
Spesso neanche per quello che possono comprare, che già sarebbe un passo avanti.
No, talvolta i soldi corrompono l’anima delle persone solo per il fatto di esistere, di essere accumulati e contati.
Alcune religioni considerano peccato l’interesse bancario; non voglio arrivare a chiederti questo, no.
Ma guarda nella tua chiesa, e domandati se è giusto che i tuoi accoliti, magari quelli a cui hai dato più fiducia, usino le grandi ricchezze materiali che la chiesa possiede per controllare persone, movimenti politici, assegnare beni, favorire questo o quest’altro.
So bene che la chiesa fa anche un buon uso dei soldi che tutti i suoi fedeli (e anche i non fedeli, visto che non pagate tasse al governo italiano da tempo immemorabile) vi donano.
Ma so anche che avete fatto del potere economico uno strumento di potere, coercizione e corruzione.
Dovresti ricominciare da Francesco, Francesco, e chiedere a te stesso e ai tuoi di fermare tutto questo.


Sappiamo tutti come funziona la natura, e Darwin – scusa se mi permetto di citarlo – ci ha anche spiegato perché la riproduzione sessuata è la più efficace possibile, per questo è stata selezionata praticamente da tutte le specie animali, compresa la nostra.
Oh, lo so che lo sai anche tu: la chiesa ha fondato su ciò uno dei principi base della sua dottrina, il matrimonio ha come scopo la riproduzione, e l’unione di un uomo con una donna è l’obiettivo della loro esistenza.
Ma vedi, non possiamo ignorare che una percentuale altissima di noi, qualcuno dice addirittura il 15%, è attratta e ama persone del suo stesso sesso.
E spesso queste persone sono ferventi cattolici; ti potrei anche fare un paio di nomi di papi che secondo me potevano far parte di questa ridotta ma solida minoranza.
Non ti chiedo di riconoscere agli omosessuali dei diritti che non sei pronto ora né forse mai a riconoscere: ma la tolleranza e la carità cristiana sono per tutti.
Cerca di ridurre un pochino l’omofobia che spesso circonda le cose di chiesa, soprattutto perché al tuo interno, come è giusto e naturale che sia, ce ne sono tanti, che magari soffrono in silenzio.


Disse Gesù: “Lasciate che i bambini vengano a me”.
Penso di sapere perché lo disse: perché i bambini sono il nostro futuro, la nostra speranza, la nostra salvezza.
Noi adulti, vecchi peccatori, non possiamo più cambiare, possiamo solo continuare a ripetere i nostri sbagli; ma loro no, loro possono essere migliori, più felici, più giusti.
Il futuro è dei bambini, e noi li mettiamo al mondo per questo: per regalare loro il nostro futuro, quello che non vedremo e che invece loro dovranno prendere sotto la loro responsabilità quando diventeranno adulti.
I bambini sono sacri, Francesco. Non c’è peccato più grande che fare del male ai bambini, e questo peccato credo sia inviso a dio ancora di più se viene da uno dei suoi rappresentanti sulla terra.
La pedofilia è la parte più brutta, distorta, disgustosa, di tutte le perversioni che l’animo umano possa immaginare.
La pedofilia che sfrutta il contatto naturale tra bambini e chiesa è ancora peggio: è subdola, usa le parole di dio per ingannare. E’ il prodotto migliore mai confezionato dal demonio.
Devi estirpare la pedofilia dalla tua chiesa, Francesco, devi lasciare che i bambini vengano a te con fiducia, con interesse, e con un sorriso sulle labbra che non debba essere mai spezzato da adulti malati.


Il sesso non è una cosa brutta, Francesco, lo riconosci anche tu, quando dici che il matrimonio deve portare alla riproduzione.
Non vorrei convincerti che sia giusto fare sesso senza un obiettivo così nobile, e solo per il basso piacere personale, so che non ci riuscirei.
Ma su una cosa vorrei sentire una parola da parte della chiesa: sapere che marito e moglie, in difficoltà economiche, possono usare il preservativo per non fare figli che non potrebbero mantenere. Non c’è soddisfazione, piacere, scopo da parte di dio e della sua chiesa nel portare alla povertà le sue pecorelle.
E se uno dei coniugi fosse malato, magari di una malattia contagiosa, anche qui, donagli il permesso di continuare ad amare suo marito o sua moglie come ha sempre fatto, senza per questo dover arrivare al sacrificio della propria esistenza.
Questo piccolo passo avanti ti spalancherebbe la porta della gratitudine e avvicinerebbe alla tua chiesa tanti fedeli delusi.


Non ti dico altro Francesco, se facessi anche una sola di queste cose, saresti il Papa migliore che io abbia visto finora in 50 anni di vita.


Tanti auguri, ne avrai bisogno.


Annunci

10 thoughts on “Lettera a Francesco

  1. Dovremmo veramente tutti (credenti, praticanti, atei e quant’altro), sperare che questo nuovo Papa riesca ad essere almeno un po’ “rivoluzionario” !!! Che il tuo auspicio finale si possa realizzare!

  2. Bella lettera Rod. Ci auguriamo tutti che Papa francesco cominci a “ricostruire” la Chiesa e che riesca a dialogare con tutte le donne e gli uomini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...