I Racconti della Piscina – 12

Oggi volevo capire se il mio blog fosse facilmente raggiungibile da google, e ho provato a fare una ricerca, usando qualche termine ricorrente nei miei racconti.
Quando ho inserito “racconti della piscina”, con mio sommo stupore in cima alla lista dei risultati c’era un link che riportava non al mio blog, ma ad un’altra pagina web.
Non dirò l’indirizzo esatto per non fare pubblicità al disgraziato che ha pensato bene di elaborare questo pseudoracconto, ma ho pensato di metterlo qui, per dare anche a voi la possibilità di indignarvi, così come mi sono indignato io.
E non escludo rappresaglie.

La domenica, lo so bene, in piscina nun bisogna annacce.
Pare che tutti i matti der circondario se danno appuntamento là dentro, la domenica mattina.
Solo che l’artri giorni lavoro, me devo svejà all’alba, e la sera francamente nun me va de stamme a spaccà la schiena pure in acqua.
La domenica invece dormo ‘noretta in più, e poi me vado a fà un po’ de vasche, tanto per nun perde l’allenamento, che ‘na vorta, quanno ancora ce credevo, meno de 100 vasche nemmeno le pijavo in considerazione.
Solo che come me, ce stanno tanti che la domenica la passeno a fà sport, e purtroppo dato che in acqua se fatica meno, o armeno così se credeno, tutti li sciancati, li vecchi e li scarti de fabbrica ce li trovi a sguazzà dentro la vasca come se fossero all’idromassaggio.


Mò, già ce stanno un paio de mattacchioni, che mejo perdeli che trovalli.
Uno, che quanno poi sta in acqua pija a schiaffi tutti perché se agita come un invasato, fori dall’acqua nun se tiene, deve parlà co’ tutti, te fischia, te chiama, te dà der tu. Ahò, ma chi te conosce?
Oggi j’era presa co’ la cuffietta.
In particolare s’era messo a dà er pilotto a un poveraccio, che evidentemente era troppo perbene pe’ fallo sta’ zitto, e je faceva:
– Ahò, taa compro ‘na cuffietta nova? guarda qua, io maaa so’ comprata, 6 euri, taaa compro pure a te? –
E quello, co’ ‘na pazienza de Giobbe:
– No, grazie, ce l’ho già la cuffietta –
– Ahò, ma questa mica è de sintetico, che te fà grattà tutto er tempo. E’ de seta. Voi che taaa compro? –
– No, grazie, la mia va ancora benissimo –
– Mbè, mica t’ho detto che taaa compro mò. Quanno ‘a voi, mooo dici e io taaa compro, vabbene? –
– Va bene, grazie –
Che però, ‘sto schiaffeggiatore alla fine è ‘n bravo cristiano, a parte che è un po’ rompicojoni, ma insomma semo tutti un po’ rompicojoni, e a parte che se ce finisci naaa stessa corsia te ne esci coi bozzi in faccia pe’ li sganassoni che t’ha dato, per resto è ‘n bonaccione, e nun fa male a nessuno, e è pure ‘n pezzo de pane.


Invece a me chi me sta sur gozzo è er Giraffone.
E’ uno arto, che la domenica, grazie a domineiddio, nun viene mai, ma tre vorte l’ho visto, e tre vorte m’è stato subito sulle palle.
Ariva, nun saluta nessuno.
E vabbè.
Poi, dato che l’ora prima ce stanno li regazzini, ogni vorta che ariva e li vede, arza l’occhi ar cielo.
Ahò, ma si li regazzini te stanno antipatici, nun ce venì in piscina la domenica, no!? te ne stai a casa e a noi ce fai pure un ber piacere.
Che poi secondo me manco je stanno tanto antipatici. E’ che siccome nun se po’ spojà nudo, che quelli se potrebbero spaventà, se deve levà le mutande co’ l’accappatoio addosso, e siccome che è arto ‘na cifra ma nun me sembra proprio sciorto, ogni vorta che ce prova pe’ poco nun s’ammazza: ‘na vorta ha sbattuto a ‘na panchina, ‘na vorta s’è retto all’urtimo momento a ‘n armadio, stavorta è inciampato ner cordone dell’accappatoio e c’ha dovuto fa vedè tutto er panorama lo stesso.
Poi, quanno s’è spojato, se deve sempre rimirà allo specchio. E ‘na vorta davanti, ‘na vorta de sguincio, ‘na vorta addirittura ha fatto finta de sistemasse le ciavatte per guardasse da in mezzo alle gambe, pe’ vede’ se le chiappe je reggeveno ancora.
Vabbè, magro è magro, ma a parte che nun è che c’ha er fisico de Raul Bova, poi è uno de’ quei magri che se vede che hanno perso parecchi chili tutti insieme, che je casca tutto addosso: li pantaloni, le camicie, li majoni, je sta tutto largo.
Pure le mutande je stanno larghe, che sembra sempre che s’è cagato sotto.
Ma dico io, ma spenneli du’ sordi pe’ rifatte du para de pantaloni, no!?
C’ha sempre ‘sto costume nero, che se vede j’hanno detto che er nero sfina, ma poi sopra ce se mette ‘st’accappatoio celeste che me pare er colore der bidè de zia Rosa. Nun se po’ vede’.


Quanno poi se decide a scenne in acqua, lo vedi tutto impettito, che sta attento a evità quello, a evità quell’artro…manco fosse er principe delle asturie.
A Giraffo’: ma si volevi notà da solo, taa dovevi fa’ costrui’ a casa, a piscina!
Se guarda intorno schifato, nun ride a nessuno…aho’, armeno fosse ‘n campione.
E invece ‘n c’ha fiato, ogni du’ vasche se ferma per riposasse, c’ha la bracciata pesante che me pare ‘n’elefante marino, e giuro su dio, j’avessi visto mai fa’ più de mezz’ora! Proprio nun ce la fa!
Ma poi, a dilla tutta, a me delle performance der Giraffone sinceramente nun me ne fregherebbe ‘na beata mazza, se nun fosse che ‘sto gran fiodena non solo nun se caga nessuno in piscina, ma poi quanno torna a casa, ce pija pure tutti per culo, e nun t’ho scoperto che c’ha ‘sto blog e ce sputtana a tutti?
Allora me so’ detto: mo’ te faccio vede io, a Giraffo’, so’ capace pure io a pija per culo, e mo’ ogni vorta che te vedo, li racconti de la piscina te li faccio vede io.

Annunci

4 thoughts on “I Racconti della Piscina – 12

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...