Salvate i piccoli genii? No, grazie.

Ero, sono e sempre sarò contrario. Contrarissimo. A qualsiasi forma di “selezione” dei bambini. Basata su che, poi?

Sul QI? non scherziamo.

Sulla precocità?
Alzi la mano chi sa dirmi almeno 5 genii che a scuola erano precoci. Mozart, Gauss, poi?

Spesso i bambini sono semplicemente più maturi della loro età, ma poi recuperano.

Selezionarli, e formarli in maniera differenziata potrebbe rovinare la vita loro, e mettere in difficoltà gli “altri”.

E che società è quella che vuole scegliere i migliori, tra i banchi di scuola, quando poi all’Università, nella vita reale, il merito e la competenza non hanno cittadinanza?

E se pure per assurdo – e non lo penso – esistesse un metodo per capire quali bambini promettono di più dal punto di vista intellettivo, che cosa vogliamo fare di questi “piccoli genii”?

Un gruppo di disadattati sociali, che ha scoperto le equazioni differenziali a 10 anni, ma non ha mai dovuto imparare come rapportarsi con gli altri, con TUTTI gli altri, anche quelli “meno” di loro?

Lasciamoli stare, i bambini.
Ci sono tante cose di cui hanno bisogno, e che sono già abbastanza impegnative.

Se poi saranno da grandi dei novelli Einstein, non sarà una partita di pallone in più e una lezione di matematica in meno a impedirglielo.

Questo il link all’articolo di Repubblica.

Annunci

4 thoughts on “Salvate i piccoli genii? No, grazie.

  1. E soprattutto chiediamoci: è un bisogno del bambino sviluppare la sua parte geniale o è un bisogno del genitore che si sente gratificato dal fatto di avere un figlio genio?

    • La domanda retorica (che approvo) non richiederebbe risposta. Piuttosto un’altra domanda, che è già presente nel mio post: e perché mai la “società”, ossia l’insieme di tutti noi, dovrebbe voler “identificare” questi geni? Per farne cosa, per farli emigrare all’estero dopo averci investito centinaia di migliaia di euro di istruzione? Oppure per farli diventare dei frustrati, surclassati da “figli di”?

    • Non e tanto la gratifica di avere un figlio genio, quanto la paura che il proprio figlio sia un disadattato….. probabilmente non avete avuto a che fare con questi bambini.

      • Gianfranco, io ne ho avuto a che fare, perché io ERO uno di questi bambini. E non sono certo diventato un celebre scienziato, o musicista o pittore o quello che è.
        Sono tante le cose che fanno di una persona quello che è, nel bene e nel male, e il QI è solo una piccola parte, e non l’unica. Ovviamente tutto è un compromesso, ma ancora oggi penso che applicare un metodo di selezione di questo tipo sia sbagliato. Ma è un’opinione personale, ci mancherebbe 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...