Avviso ai turisti

Turisti italiani e stranieri!
Ma che ce venite a fa a Roma in vacanza?
E’ zozza, i cassonetti e i cestini che trabboccheno, incasinata de macchine che se tutto va bene te soffocano coi gas de scarico, e se te va male te mettono sotto perché nun ce ne sta uno che rispetta li stop o che guarda la strada invece der cellulare.
‘Na città co li tassisti più ignoranti dell’universo, dove i baristi e i camerieri te danno tutti der tu pure si c’hai cinquant’anni, dove er saluto più carino è “ahooooooooo” (co’ ducento “o”).
Che se dio guardi c’hai li capelli biondi e parli n’antra lingua ar ristorante er conto t’aumenta del cinquanta per cento.
Quando te lo danno er conto, o lo scontrino.
Che si devi comprà un bijetto daa metro o der treno devi fa ‘na trattativa co du’ zingari per ogni macchinetta, e er bijetto che te costerebbe solo un euro e cinquanta (li mortacci loro un euro e cinquanta pe’ morì de caldo e aspettà l’autobus un’ora) te viè a costà più de mancia ao zingaro che che all’ATAC.
Che nun poi fa cinquanta metri senza incontrà un pakistano co’ l’ombrello (si piove) o con ‘na cassetta de frutta tutto er santo giorno a spiaccicà un pupazzetto de gomma colorata che me possino cecamme si ho visto mai quarcheduno compranne uno, ma come cazzo se mantengono ‘sti pakistani?
E a sera non te poi fermà da nessuna parte senza che passeno in cinquanta a offritte la rosa. Ma cazzo, si nun l’ho comprata ar primo, che me volete prende pe’ sfinimento?
Che si vai ar pantheon i senegalesi hanno occupato tutti li spazi liberi e se sò messi in fila che nemmeno a Porta Portese.
E nun ce sta più nessun bar o ristorante senza l’elmosinatore stanziale, che o diventi stronzo o povero, e so’ du’ belle arternative der cazzo.
Che ‘na cosa bona ce stava, er tramme nummero otto, embè certo, sticazzi, è chiuso, pija l’autobus se ce riesci.
Turisti!
Annate ar ristorante e ce ne fosse uno in cui ar cameriere poi ordinà du’ fiori de zucca senza che te porta ‘na cacio e pepe, tanto che ne sa lui, mica lo parla l’italiano, ma neanche l’inglese, o er tedesco o financo er russo.
Conosce er dialetto principe de timor est, ma quanti cazzo de turisti ce veranno a Roma da timor est?
Poi però, dopo tutta sta zozzeria, dimoselo: Roma è ‘a città più bella del mondo!
‘A grande bellezza.
Dumila anni de storia qua, ai piedi tua.
E allora, vedi, superi quarsiasi fatica, angheria, zozzeria, spesa, pe’ godè de ‘sto spettacolo.
Poi arivi ar Colosseo, è tutto ‘mbracato.
Fontana de Trevi, chiusa pe’ lavori, c’hanno messo ‘na piscinetta pe’ fa’ tirà li sordi ai turisti, che senno er comune va in rovina,
De le Quattro Fontane se ne vedesse una, l’hanno barricate tutte e quattro e checcazzo fatele a due a due no!?
I giardini davanti ar quirinale, uno sì e uno no.
‘A barcaccia, sta naa darsena.
Trinità de’ monti, ‘mbracata pure quella.
Via Nomentana, na cambogia.
E allora, turisti italiani e stranieri!
Statevene a casa vostra, o annatevene a Parigi, Londra, Nova Iorche.
Che cazzo ce venite a fà qua a morì de pizzichi, pe’ poi torna a casa e dì che Roma fa schifo?
Armeno, si nun ce venite, ve rimane er rimpianto.
Che è sempre mejo der rimorso.

F1.2 Challenge Strada 4

Annunci

8 thoughts on “Avviso ai turisti

  1. se fai un fischio a quella poca gente (a trovalla ma ce n’è) poi levà quella monnezza che rovina la città basta organizzasse, per er resto è normale e se te giri e vedi volà nà parolaccia vor dì che sei nella capitale… da quando in qua er romano è educato? allora nun sarebbe dè Roma…ma voi artri andò vivete? siete tutti svizzeri?

    • Il romano più che altro è indifferente. Questo è il suo (nostro) più grave difetto.
      Le parolacce sono parte della nostra cultura, come per i toscani, non sono necessariamente indice di maleducazione.
      Ma non capisco il legame che c’è tra una supposta maleducazione e le condizioni in cui versa la città.
      Certo, gran parte delle responsabilità è ANCHE nostra. M ain una città di tre milioni e mezzo di abitanti, più cinquanta milioni di turisti l’anno, pensare di risolvere i problemi con il senso civico individuale è utopia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...