La incredibile e triste storia del tenero Ignazio e del suo partito snaturato

In questi momenti di conforto/sconforto seguiti alle dimissioni dell’ex-Sindaco Marino (sono mesi che lo chiamo così e finalmente la storia mi ha dato ragione), quello che mi interessa di più sono le urla piangenti degli inconsolabili.
La scomparsa dell’ex-Sindaco ha provocato reazioni di rabbia e dolore, che inevitabilmente hanno prodotto motivazioni per tale sconforto che oscillano tra l’elencazione pedissequa dei suoi meriti, al confronto con i predecessori, fino alle infauste previsioni sul futuro (nero) di questa città.
Io personalmente non solo non mi appassiono alla diatriba in quanto avevo previsto questa fine già da tempo, ma mi dissocio dalle analisi seppur fatte in buona fede da chi considera le dimissioni di Marino una iattura, pur avendolo (ahimé) votato.
Sapete, se ci si sofferma sui dettagli, e se si usa il noto e ben rodato italico strumento del benaltrismo, qualsiasi episodio può essere letto come si desidera.
Io invece vorrei prendere un bel grandangolo e fotografare Roma da lontano, ORA, in questo esatto momento, dopo due anni di amministrazione di Marino.
E quello che vedo non mi piace.
E sinceramente non me ne frega niente se Alemanno è stato peggio, se i dipendenti comunali remano contro, se il partito fa la fronda, se la mafia, la camorra, etc etc etc.
Non me ne frega una beneamata mazza.
A me frega che Roma è diventata ancora più invivibile, che le strade sono ormai dissestate, che il trasporto pubblico non è più al collasso ma all’infarto del miocardio, che i vigili scioperano a capodanno e i tassisti bloccano la città, a me frega che la mondezza è dappertutto, che il ponte della musica è pieno della merda di quelli che ci vanno a fare le feste di compleanno e poi lasciano tutto li e non pulisce nessuno, che cinquecento metri di marciapiede da casa mia alla scuola di mia figlia sono diventati una discarica, che tutti gli esercizi commerciali hanno uno zingaro o un nero di fuori che chiede l’elemosina, che non si trova parcheggio neanche a pagamento, che Via dei Fori Imperiali è pedonale ma Viale Libia un inferno di metallo, che ormai i rom che frugano i cassonetti si sono organizzati e li tengono sempre aperti così non devono neanche più fare fatica, che ai bar del centro fregano tutti i turisti, che intorno a Fontana di Trevi, al Colosseo, a Piazza Navona e così via stazionano centinaia se non mi gliaia di pakistani con le loro cassettine e i loro pupazzetti che si infrangono migliaia di volte al giorno contro una tavola, che tutti i commercianti e i punti di ristoro invadono i marciapiedi senza pagare, e se chiedi lo scontrino sei solo un rompicoglioni.
A me mi frega solo che questa città, la MIA città, la culla della cultura occidentale, della cristianità, la Capitale d’Italia, la depositaria di una storia, cultura e arte unici al mondo, questa città è diventata uno schifo, e dopo due anni è anche peggio.
Quindi asciugatevi le lacrime, vedove inconsolabili.
Era ora.
Era veramente ora.

Marino

Annunci

6 thoughts on “La incredibile e triste storia del tenero Ignazio e del suo partito snaturato

  1. A me invece frega che Alemanno sia stato peggio e resto sempre basita della pochezza degli uomini a cui diamo la fiducia per rappresentarci. Politica? No, banco del mercato…che tristezza Rodo e come la descrivi bene!

  2. Rodò, non sempre sono d’accordo in toto con te, ma questa è una di quelle volte che sottoscrivo quello che hai detto..Roma è pur sempre Roma, e risorgerà, non so come ma ce la farà

  3. Non riesco a capire troppe cose per poterne discutere con chi invece sa sempre tutto e mi fido del mio intuito per “dare il voto”ai personaggi che ronzano intorno alla politica….(poi , tanto , non lo dico a nessuno)
    Voto “obtorto collo” turandomi il naso….
    E di questo qui non mi sento certo vedova inconsolabile!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...